Cari concittadini,

(riceviamo e pubblichiamo)

i giornali di zona come quello che avete fra le mani sono un esempio dell’attenzione e della passione per la nostra città e per i nostri quartieri. In questi anni è stato anche grazie alle vostre lettere, segnalazioni e articoli pubblicati dai giornali locali che l’Amministrazione ha potuto prendere decisioni importanti.

So che tanti di voi hanno idee da proporre, consigli che potrebbero generare nuove opportunità e risolvere problemi. Dove collocare un’area giochi, come migliorare uno spazio o quale luogo potrebbe diventare un centro vitale per il quartiere.

Per dare possibilità a tutti di scegliere le soluzioni più efficaci stiamo sperimentando una nuova modalità di lavoro già utilizzata in molte città del mondo: il Bilancio Partecipativo. Nato in Brasile a Porto Alegre agli inizi degli anni 2000, continua ad essere attuato con successo in città importanti come per esempio recentemente a Parigi.

 Il Comune di Milano affida direttamente a voi la possibilità di decidere come destinare una parte delle risorse del bilancio attraverso un percorso partecipato. Per questo importante progetto mettiamo a disposizione una cifra rilevante: 9 milioni di euro, un milione per ogni zona.

A luglio sono partiti i primi incontri di presentazione e a settembre ci aspetta un ricco calendario di incontri diffusi in tutta la città.

Attraverso questi appuntamenti, sarà possibile conoscere meglio il funzionamento del Bilancio del Comune di Milano, confrontarsi sui bisogni dei quartieri insieme alla propria comunità, proporre soluzioni ed elaborarle con i tecnici del Comune. Infine, in seguito ad una votazione i progetti scelti dai cittadini verranno inseriti nel Piano di investimenti dell’Amministrazione che sarà così impegnata a svilupparli già dall’anno prossimo.

Vi invito a prendere parte agli incontri e a seguire il Bilancio Partecipativo. Oltre a portare benefici nei nostri quartieri e rendere sempre più bella e vivibile la nostra città, sono convinto che questo percorso rafforzerà ancor di più la tradizione civica e democratica di cui Milano è orgogliosa.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *