CURIOSITA’ DALL’ANAGRAFE: I NOMI E LE PROFESSIONI PIU’ STRANE DI MILANO

di G. Perugini

Nomi insoliti tratti dalla mitologia classica per i nuovi nati e mestieri fantasiosi e bizzarri per i cittadini milanesi, questo è quanto emerge dagli elenchi rilasciati dell’Anagrafe del Comune.

Tra i nomi di battesimo più curiosi scelti dai genitori milanesi nel corso di quest’anno ci sono: Teti, Calliope, Athena, Artemide, Dafne, Clelia per le femminucce e Argo, Prometeo, Amos, Ares ed Eros per i maschietti. Immancabili anche i nomi ispirati alla tradizione toscana, quali Neri, Duccio, Lapo, Fosco e Dante.

Ma a dominare le classifiche sono sempre e comunque i nomi più tradizionali: lo testimoniano i 93 Alessandro e Leonardo registrati nel 2015, seguiti a ruota dagli 87 Lorenzo e gli 83 Tommaso. Perdono terreno rispetto agli anni scorsi Francesco (72) e Riccardo (59), seguiti da Andrea (57), Edoardo, Matteo (entrambi 55), Gabriele, Pietro (54) e Federico (51). Per le bimbe il nome più gettonato invece risulta essere Giulia, scelto 71 volte, seguito da Sofia (69) e Alice (54), tallonate da Martina (46), Bianca (45) e Beatrice (44). Il classico Maria rimane basso in classifica, scelto nella sua versione “liscia” solo per 10 neonate, ma molto più spesso utilizzato in abbinamento con altri nomi, come nei casi di: Clara Maria, Bianca Maria, Celeste Maria, Elena Maria o Rebecca Maria. Non mancano poi nomi dal sapore esotico e hollywoodiano come Chloe, Jolie, Chanelle e Zara; e altri ancora originali e divertenti come Brio e Mirtilla, quest’ultimo forse di ispirazione Harry Potteriana.

Non solo con i nomi da dare ai figli, ma anche nella scelta delle professioni, pare proprio che i cittadini milanesi amino sbizzarrirsi. Tra i mestieri più curiosi dichiarati in sede di rilascio o di rinnovo della carta d’identità infatti, spiccano in particolar modo quest’anno: i 4 intervistatori, i 3 tenori (che – ci teniamo a precisarlo – non rispondono ai nomi di Domingo, Pavarotti e Carreras), i 2 parolieri, le 2 guide polari, i 2 spazzacamini, i 2 fantini e l’unico bagnino. Non si possono non citare poi il fantomatico iridologo – capace di svelare la psicologia e gli eventuali disturbi fisici di una persona semplicemente guardandola negli occhi – le 2 cartomanti, il chiromante, i 2 “creatori di alta moda”, e il domatore, anche se non ci è dato sapere esattamente di quale animale.

Non mancano poi i mestieri legati agli sport e allora ecco apparire un calciatore, un accompagnatore di escursionisti, 2 maestri di karate e 3 di judo, e ancora 2 arbitri federali e 3 istruttori di scherma.

C’è chi poi ha deciso di fare della propria condizione fisica e dei propri passatempi una vera professione, come: l’invalido di guerra, i 3 ambientalisti, il filatelico e il metafisico. Tra gli altri dati interessanti emersi dagli elenchi dell’Anagrafe anche il fatto che quest’anno sono stati registrati solo un orefice e un gioielliere, a fronte di ben 4 cesellatori e 3 incassatori di gemme.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *