ECOISMI: LA NATURA DIVENTA ARTE

di Ugo Perugini

Presso la piattaforma galleggiante dei Navigli, è stata presentata ieri la quarta edizione dell’iniziativa “Ecoismi”, una mostra originale, riservata a giovani performer, di arte contemporanea, accessibile al pubblico, legata alla valorizzazione della natura e del territorio.

Gli elementi che costituiscono questa proposta artistica sono molti perché coinvolgono l’architettura, l’urban, il landscape e l’interaction design, senza dimenticare l’importanza dei luoghi stessi, soprattutto spazi verdi, con le loro memorie, i loro fascini sottili. Insomma, collegando il genius loci che li caratterizza alla nuova interpretazione del mondo da parte dei giovani.

Giovani, per fortuna, sempre più sensibili ai temi ambientali che ovunque nelle opere proposte e che saranno visibili da domenica prossima fanno emergere con forza e determinazione l’intento di  ricostituire e ridare valore al legame tra essere umano e natura, tra natura e cultura che negli ultimi tempi sembra si sia allentato.

Una giuria, guidata da Grazia Varisco, già docente di Brera, ha operato una scelta non certo facile tra le proposte arrivate (oltre un centinaio). Ma i lavori promettono di stupire e coinvolgere il pubblico con soluzioni originali e particolarmente poetiche.

La mostra Ecoismi 2015 ha assunto ormai un taglio internazionale. Tra i partecipanti, oltre a diversi italiani, vi sono rappresentanti del Regno Unito, della Romania, dell’Olanda, del Brasile, della Spagna. Lo scopo, come suggerisce il curatore Yibert Durishi è quello di avvicinare le persone all’arte contemporanea, facendo loro cogliere il messaggio che questi lavori veicolano in modo diretto e coinvolgente. Arte contemporanea non d’élite ma alla portata di tutti, grazie anche all’importanza del soggetto, cioè la natura, cui nessuno può restare indifferente.

L’iniziativa, partita quattro anni fa da Cassano d’Adda, come ha accennato il Sindaco Roberto Maviglia, si è poi estesa a molti altri comuni della Provincia. Una provincia che si è dimostrata viva e propositiva e, come ha affermato l’assessore alla Cultura di Melzo, Cinzia Masotina, vuole dare un segnale di come l’arte, e le sue sperimentazioni, possano e debbano essere condivise con il pubblico, senza alcuna esclusione.

L’inziativa Ecoismi 2015 riguarda, oltre al Comune di Cassano d’Adda, quelli di Cassina de’ Pecchi, Melzo, Pioltello e Treviglio. Per chi vuole saperne di più il sito è www.ecoismi.org

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *