IL MINI LIFTING? SI FA CON I FILI!

di Stefania Bortolotti

“Datemi dei fili e vi solleverò il volto” – afferma il dottor Mario Goisis, Direttore Scientifico di Doctor’s Equipe, un team di professionisti in Medicina Estetica – che aggiunge: “Questa metodica non si limita a risollevare in modo soft i cedimenti del viso, ma gli restituisce tonicità e giovinezza, nel rispetto della fisionomia originale. I fili possono essere usati anche per ringiovanire il collo e alcune parti critiche del corpo, come il seno e i glutei”.

Dopo anni di sperimentazione, questa rivoluzionaria metodica di ringiovanimento del viso consente di ottenere un lifting senza bisturi. I risultati? Duraturi. I costi? Più contenuti rispetto all’intervento di chirurgia estetica. Il “plus” di questa tecnica? I fili si adattano a tutte le zone del volto. Corti e sottili per sollevare il sopracciglio, medi e leggermente più grossi per sostenere le guance e più lunghi e sostenuti per la zona mandibolare e per ridefinire i contorni del viso. I fili sono completamente riassorbibili perché costituiti da acido polilattico, materiale che ha la particolarità non solo di essere riassorbito nel tempo (due anni), ma anche la funzione di stimolare la produzione di collagene “ristrutturando” e ricompattando la pelle del viso. Il Medico Estetico non deve ricorrere ad alcuna tecnica chirurgica, quindi nessun ricovero né dolore. Parliamo, infatti, di un filo di sospensione molto morbido e riassorbibile, caratterizzato da coni bidirezionali del medesimo materiale, che una volta applicato nel sotto cute si “auto ancora” al tessuto sottocutaneo e risolleva ciò che ha forza di gravità (e il passare del tempo!) ha fatto scivolare in basso.

Foto
Dr. Mario Goisis

L’impianto di questi fili non richiede alcuna preparazione preventiva, ma solo una semplice anestesia locale, simile a quella che si pratica per le “punturine” di vitamine oppure per i filler riempitivi. Si tratta di una tecnica esclusivamente iniettiva ed eseguibile in un Centro di Medicina Estetica in circa mezz’ora.

Come avviene il trattamento con i fili?

Ogni filo viene inserito nel tessuto sottocutaneo attraverso un piccolissimo foro di entrata. È poi compito dei vari coni “lavorare” sottocute poiché costituiscono un solido ancoraggio del filo. La loro peculiarità è quella di restare nella posizione iniziale sino al completo assorbimento senza spostarsi.

Qual è il risultato che si ottiene?

L’effetto è quello di un ringiovanimento graduale. La pelle migliora sotto il profilo della tonicità e della compattezza dei tessuti in virtù della “sferzata” ricevuta. Il risultato definitivo è molto naturale, perché pur trattandosi di un leggero lifting, mantiene la mobilità e la vivacità delle espressioni facciali originali.

Quando sono visibili i risultati?

L’efficacia del trattamento è visibile subito. Tuttavia i risultati migliorano nei due/tre mesi successivi e perdurano per 18/30 mesi, in quanto l’effetto non è legato unicamente al tempo di permanenza, bensì alla stimolazione endogena che i fili stessi andranno a creare.

Ci sono degli effetti collaterali?

Possono verificarsi un leggero gonfiore, arrossamento o ecchimosi, ma sono reazioni transitorie, che tendono a scomparire in un paio di giorni. Il solito make-up aiuterà a fornire alla cute una maggior protezione ai raggi solari. Vanno evitati i massaggi al viso per una settimana. Il trattamento non limita la propria vita sociale.

Quali sono le controindicazioni a questa tecnica?

È sconsigliato eseguire movimenti di apertura e forzatura della bocca, quindi evitare di andare dal dentista per una settimana. Una crema idratante di giorno e una rigenerante alla notte, secondo il proprio tipo di pelle e il trattamento eseguito, è un’ottima regola per mantenere gli effetti dell’intervento.

Secondo lei, Dottore, a chi è adatto questo “lifting senza bisturi”?

A tutti coloro che desiderano ridefinire l’ovale o in caso di un moderato cedimento cutaneo, specie nella parte centrale del viso. Generalmente questo accade dopo i 40 anni, quando si verifica un rallentamento della produzione di acido ialuronico e collagene: la pelle si secca, perde tono e compaiono le rughe.

È vero che questo trattamento permette di liftare anche l’arcata sopraccigliare e l’interno di cosce e braccia?

Sì, proprio per i materiali usati e per l’assoluta non invasività della tecnica, i risultati ottenuti sono buoni in entrambi i casi. Inoltre per ottimizzarne gli effetti, nella stessa seduta, è possibile effettuare infiltrazioni di acido ialuronico e tossina botulinica.

 Dottor Goisis, a chi è sconsigliata questa metodica?

A chi presenta un cedimento della cute eccessivamente marcato e a chi ha la pelle molto sottile.

logoIl Dottor Mario Goisis e i professionisti di Doctor’s Equipe sono a disposizione per consigliare la soluzione ottimale al problema da risolvere e visitano nelle seguenti città:

 

Milano    –   Via Carducci, 19 – Sede centrale

Lodi        –   Via Secondo Cremonesi, 17

Torino    –    Via Madama Cristina, 6

Asti         –    Corso Alfieri, 177

Genova   –    Via Fieschi, 10

Sanremo  –   Via Francia, 2

Bologna   –   Via Santo Stefano, 130

Roma       –   Via Flaminia, 217

Palermo    –  Via Ruggero Settimo, 11 – Bagheria

Info: www.mariogoisis.netwww.doctorsequipe.it

Tel. 199201084 – 02/39990110

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *