LA CASA DELL’ARTEDUCAZIONE: PER EDUCARE I RAGAZZI CON L’ARTE

di G. Perugini

Arte come fulcro vitale dell’educazione, come scelta pedagogica per lavorare con i giovani; non solo come mero intrattenimento o “strumento per educare”, ma come educazione essa stessa: ecco lo spirito che anima la Casa dell’ArtEducazione, il progetto che attraverso l’arte vuole aiutare i bambini e i ragazzi a rischio esclusione sociale.

Nata sulla scia dell’esperienza del Projeto Axé brasiliano, la Casa dell’ArtEducazione è stata resa possibile grazie agli sforzi dell’Associazione ForMattArt, dell’Assessorato all’Educazione del Comune di Milano in collaborazione con la Cooperativa sociale “Tempo per l’Infanzia”, Progetto Axé Italia Onlus e Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Torino, e con i finanziamenti della Fondazione Cariplo e della Fondazione Alta Mane Italia.

La Casa sorgerà presso la scuola media Rinaldi di via Pontano 43, vicino al Parco Trotter, e permetterà a 100 ragazzi selezionati – italiani o stranieri, tra gli 11 e i 18 anni – che vivono situazioni di disagio sociale poiché provenienti da famiglie con difficoltà economiche, a rischio di dispersione scolastica, vittime di bullismo, droga o violenza, di potersi esprimere attraverso la musica, il teatro e le arti figurative, scoprendo così un nuovo modo di comunicare e relazionarsi agli altri e con sé stessi. I ragazzi saranno seguiti da 15 tra educatori, assistenti sociali, mediatori e artisti – formatisi per l’occasione – più le loro stesse famiglie e gli insegnanti.

La Casa dell’ArtEducazione si configura come un luogo di formazione e di scambio di pratiche, dove a tutti i giovani – al di là delle loro storie personali, condizioni sociali o famiglie di provenienza – viene offerta un’opportunità di avvicinamento, fruizione e creazione dell’arte.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *