RETE DI OROLOGI IN CITTA': DA GIUGNO SINCRONIZZATA VIA SATELLITE

di Carlo Radollovich

E’ forse capitato a molti di noi, uscendo di casa senza il nostro fedele orologio da polso, di essere stati tratti in inganno da orologi cittadini che i vecchi milanesi avevano battezzato “i or in ari” (letteralmente, ore poste in alto).

E quando ci si fidava di loro, credendo a quelle lancette che in realtà erano sballate, il ritardato appuntamento con gli amici rischiava di provocare possibili malumori, malgrado le nostre più che valide scuse. Non citiamo poi, come esempio, le ben note differenze di sessanta minuti quando dall’ora solare si passa a quella legale e viceversa: diversi orologi della rete cittadina non si adeguano, creando a volte incresciose reazioni tra i passanti.

Ma questa è storia di ieri, o meglio, avrà vita ancora per pochi mesi. In effetti, con decorrenza giugno, gli orologi di Milano saranno sottoposti ad una scrupolosa sincronizzazione satellitare. Peccato che l’adozione di questa misura (finalmente) non coinciderà con l’apertura dell’Esposizione milanese. In ogni caso, l’azienda che cura la gestione di tali orologi dovrà eseguire i necessari lavori entro il primo semestre di quest’anno, ammodernando contemporaneamente l’intera rete.

Per la verità, l’inserimento del sistema satellitare avrebbe dovuto scattare sin dal 2013, ma alcuni strascichi di natura legale relativi alle gare d’appalto a suo tempo lanciate, hanno purtroppo messo il progetto in stand-by, provocando addirittura diverse conseguenze sulla manutenzione degli orologi stessi.

E purtroppo, lancette non ad hoc, che segnalano l’ora inesatta, se ne vedono ancora in giro: andrebbe ad esempio citato l’orologio posto all’incrocio tra viale Certosa e via Casella, ove il quadrante differisce sempre dall’ora reale (ce ne accorgiamo dopo aver dato uno sguardo al fedele orologio da polso, se ci siamo ricordati di portarlo con noi).

E anche in corso Buenos Aires (se ne renderanno conto coloro che svolteranno poi con l’auto in via Casati) si osserva con un certo stupore che non esiste sincronizzazione, in alcuni casi, tra orologio e orologio.

Palazzo Marino ricorda comunque ai cittadini che qualsiasi malfunzionamento può essere comunicato ai vigili urbani al seguente numero telefonico: 02.88464350.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *