Altro che schiena dritta

Di fronte allo schiaffo ricevuto dal totale rifiuto delle (loro) richieste da parte della (loro) amministrazione Comunale per modificare lo sciagurato bando riguardante la grande area ex PalaSharp di Lampugnano la sinistra maggioranza del Consiglio di Zona 8 si accoda supinamente all’amministrazione Pisapia.

Limitazione dell’area, eliminazione delle agevolazioni economiche, obbligo dell’uso della lingua italiana nelle predicazioni, integrazione dell’edificio con il paesaggio circostante erano le più significative.

Nulla di ciò è presente nel bando in corso.

Visto ciò, e dato il silenzio di chi governa la Zona 8 gli stessi che con una delibera richiedevano modifiche, ieri si è svolto il CdZ (affollatissimo) indetto dalle opposizioni le quali hanno cosi dato un’occasione a tutto il Consiglio di farsi sentire “ai piani superiori”.

Niente da fare. Respinte le nostre richieste (unitarie di minoranza) per il ritiro del bando (relativo all’area ex PalaSharp) e successivamente quella di indire, autonomamente a livello zonale, una consultazione nei quartieri interessati cioè QT8, Lampugnano e Gallaratese come previsto dai regolamenti Comunali. Abbiamo assistito a funamboliche arrampicate sugli specchi da parte del presidente Zambelli e di tutta la maggioranza che compattamente, gettando la maschera, ha negato queste opportunità, votandosi invece un proprio documento che lascia tutto invariato anzi, richiede altri bandi per altre aree oltre a quello in atto. Avanti Savoia!

Altro non ci si poteva attendere da chi in aula invoca una Milano come Istanbul o chi insulta il sottoscritto urlando in maniera sclerotica provocando la sospensione della seduta, oppure dai molti che maledicono la Regione Lombardia che impone dei limiti con le proprie leggi.

Se qualcuno nei quartieri adiacenti l’area sperava in atto di orgoglio, illusa da qualche incantatore di serpenti, apra gli occhi. Sveglia, è ora!

Enrico Salerani capogruppo Lega Nord CdZ 8

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *