IN BIBLIOTECA A “LEZIONE DI EXPO”

di Fabrizio Ternelli

Da tempo si parla molto di “Expo 2015”, in termini entusiastici o critici. Ma quanti hanno le idee chiare su ciò che questa esposizione universale rappresenta? Qual è la sua storia? È veramente una straordinaria opportunità per Milano e per il Paese? Che cosa possiamo aspettarci di trovare fra gli avveniristici padiglioni che la ospiteranno?

Le risposte a queste e altre domande le daranno esperti del settore in undici biblioteche nelle quali si avvicenderanno incontri informativi tutti i martedì, dal 3 febbraio al 28 aprile. Ogni appuntamento sarà un vivace racconto di due ore, articolato su diversi piani. Si potrà sapere così come funzionerà l’esposizione universale e che cosa accadrà non solo nel sito espositivo, ma in tutta la città.

Expolibris, questo il nome dell’iniziativa, è a cura di “Social Media Team di Expo 2015”. Con un format agile e accattivante verranno presentate informazioni complete sulla manifestazione, sulle sue rilevanti implicazioni economiche e sugli strumenti che permetteranno di partecipare attivamente all’esposizione con proposte creative e personali. A questo proposito, saranno dati suggerimenti per interagire con Expo utilizzando i canali social.

Ai pessimisti che manifestano dubbi e diffidenze sulla riuscita dell’evento, gli esperti del team oppongono uno scaramantico ottimismo, sicuri che “Expo 2015” sarà un grande successo per Milano e per l’Italia. Questa, sostengono, è un’occasione unica per presentare al mondo il nostro paese e le straordinarie potenzialità di cui dispone.

“Sui giornali, in tv, su Twitter e Facebook, al bar: Expo è spesso al centro dell’attenzione. Pochi, però, sembrano interessati ai contenuti. Da un lato gli scettici, dall’altro gli addetti ai lavori,” dice Giacomo Biraghi, di Social Media Team. “Ma quanta consapevolezza abbiamo delle opportunità che nascono da questa importantissima iniziativa? Noi siamo convinti che sarà un evento positivo che non si ripeterà per molti anni, quindi lavoriamo per viverlo nel modo migliore”.

Di identico parere è Stefano Mirti, dello stesso team, che aggiunge: “Com’è noto, siamo un popolo di poeti, artisti, eroi, santi, pensatori, scienziati, navigatori, inventori e quant’altro. ‘Expo 2015’ consentirà di riproporre questa immagine senza retorica – mettendo in scena la nostra ricchezza immateriale – e potrà anche essere intesa come un grande racconto collettivo sviluppato mediante le dinamiche e le tecniche dei social media.

Stiamo cercando persone disposte a raccontarci una storia. Nascerà così una collezione di migliaia di brevi narrazioni, vere o inventate, sul passato e – ancora meglio – sul presente e sul futuro. Sarà un modo per dire: Expo sono io, sei tu, è ognuno di noi, con i suoi vissuti, pensieri e desideri”.

Gli incontri – durante i quali sarà distribuito materiale illustrativo sull’esposizione – si svolgeranno secondo il seguente calendario:

Zona 1 > Biblioteca Parco Sempione >             3 febbraio, ore 17.00

Zona 2 > Biblioteca Crescenzago >                  10 febbraio, ore 17.00

Zona 3 > Biblioteca Valvassori Peroni >         17 febbraio, ore 17.00

Zona 4 > Biblioteca Oglio >                                24 febbraio, ore 17.00

Zona 5 > Biblioteca Chiesa Rossa >                  17 marzo, ore 17.00

Zona 6 > Biblioteca Sant’Ambrogio >               10 marzo, ore 17.00

Zona 7 > Biblioteca Baggio >                              24 marzo, ore 17.00

Zona 8 > Biblioteche Gallaratese >                     3 marzo, ore 17.00

Zona 8 > Biblioteca Accursio >|                         14 aprile, ore 17.00

Zona 8 > Biblioteca Quarto Oggiaro >              28 aprile, ore 17.00

Zona 9 > Biblioteca Affori >                                 21 aprile, ore 17.00.

Print

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *