NEL GIARDINO DELLE IMPRESE FIORISCONO LE IDEE

di Ugo Perugini

Il pregio di Marino Golinelli e della sua fondazione bolognese è la concretezza. Non vuoti problemi o parole al vento ma una filosofia del fare, dell’agire, avendo ben chiari gli obiettivi da raggiungere tutti orientati ai giovani e al loro futuro. Lo dice lo stesso Marino Golinelli. Occorre “accompagnare i talenti dai primi banchi di scuola per formare la classe dirigente di domani, uno dei modelli educativi più usati all’estero e che sta alla base di una società realmente meritocratica”.

Lunedì prossimo, 24 novembre, a Bologna presso l’Arena del Sole, dalle 14 e 30 alle 17 e 30, si conosceranno i vincitori delle due iniziative portate avanti dalla Fondazione Golinelli. La prima è “Scienze in pratica”, dove i migliori tra i 430 studenti dai 14 ai 19 anni provenienti da 40 città italiane diverse racconteranno le loro esperienze durante i lavori svolti nei laboratori delle loro scuole in ambito scientifico e tecnologico.

La seconda iniziativa è “Il giardino delle imprese” che ha raccolto 59 studenti in un campo estivo per trasmettere loro una cultura imprenditoriale che aveva un preciso obiettivo di ricerca, cioè ideare una applicazione per il monitoraggio del sonno. Otto sono stati i progetti finalisti che riceveranno un riconoscimento per complessivi 22 mila euro. Due di questi progetti saranno poi realizzati concretamente.

Tra gli ospiti della giornata anche un guru dell’innovazione, quale Nassim Nicholas Taleb (foto sopra), operatore di borsa diventato poi saggista, filosofo, ricercatore matematico nel calcolo delle probabilità e attento studioso dei sistemi che possono gestire il caos, in una società basata sull’incertezza, e gli atteggiamenti più favorevoli per superare questi periodi di crisi. Taleb è noto per il concetto di “antifragilità”, come metodo per affrontare le numerose incognite di questa società, che lui chiama “cigni neri”.

Taleb si soffermerà su temi di enorme importanza per i giovani come la relazione tra sapere e saper fare, i collegamenti tra cultura scientifica e umanistica, il ruolo strategico dei percorsi di apprendimento informale, la necessità di sperimentazione e dell’utilità degli errori, insieme al coraggio, all’intraprendenza dell’imprenditore, per favorire e rilanciare la creatività e la capacità delle piccole aziende italiane e l’unicità del marchio “made in Italy”.

Il giardino delle imprese. Alcuni giovani in riunione.
Il giardino delle imprese. Alcuni giovani in riunione.

Diamo l’indirizzo della Fondazione Golinelli (via Giovanni Amendola, 12, Bologna, tel 051 0251001) nella speranza che qualche giovane sappia approfittare delle numerose opportunità che questa associazione offre.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *