ALLA TRIENNALE: AFRICA, IL FUTURO DEL MONDO

Quando si pensa all’Africa, purtroppo oggi non possiamo che far riferimento alle guerre, al sottosviluppo, alla povertà, alle epidemie, al colonialismo, allo sfruttamento delle risorse, ecc. Ma l’Africa ha diverse facce. Esistono zone dove stanno emergendo fenomeni nuovi come una sempre più forte pressione dell’urbanizzazione sotto la spinta di un impetuoso incremento demografico.

Si stima che nel 2030 la popolazione urbana in Africa sarà di 748 milioni, nettamente superiore a quella europea (685 milioni). L’Africa con i suoi 54 Paesi è destinata a diventare un laboratorio tra i più interessanti e innovativi per l’architettura moderna, al di là di valutazioni estetiche e tecniche. Senza, peraltro, dimenticare le forti contraddizioni in ambito economico, sociale, ambientale, ecc. che continuano a essere presenti.

La mostra che si è aperta oggi alla Triennale, dal titolo evocativo “Big Change Big Chance” e che sarà visitabile fino al 28 dicembre prossimo, si è data il compito di analizzare i cambiamenti e le opportunità offerte dal continente africano.

La visione aerea di una città africana
La visione aerea di una città africana

In una società globalizzata come la nostra quello che avviene in Africa non riguarda solo chi vi abita ma tutti noi. Occorre cambiare mentalità: sarebbe estremamente miope fissarsi sull’idea di un’Africa composta solo di piccoli villaggi rurali abitati da tribù quando è in corso un processo incalzante di inurbamento.

D’altra parte, non è nemmeno facile avvicinarsi a questi problemi liberi da pregiudizi, soprattutto dopo che questo continente è stato oggetto in passato di un’azione, spesso spietata, di colonizzazione.

La mostra, realizzata a cura di Brenno Albrecht, con la collaborazione di Alberto Ferlenga, ha visto l’apporto del CIVA (centro internazionale per l’architettura e il paesaggio) che, l’anno prossimo, ospiterà l’esposizione a Bruxelles.

Cinque le sezioni in cui si suddivide la Mostra. Geografia della quantità, con l’esposizione di dati e statistiche sull’evoluzione del continente; Architetture continentali, con le trasformazioni del territorio, anche attraverso infrastrutture come dighe, impianti solari ed eolici e programmi di riforestazione; Architetture della modernità, con gli esperimenti progettuali già messi in atto dal dopoguerra a oggi; Città della globalità, con l’applicazione di idee diverse rispetto a quelle tradizionali di matrice europea-americana; Apparati, con il ricorso alla modellazione e alla stampa in 3D per facilitare il raggiungimento delle nuove idee anche in luoghi spesso poco accessibili.

Qualche dato che riguarda il rapporto tra la nostra Regione e l’Africa

In Lombardia un’impresa su cinque ha un titolare africano, per un totale di 30.000 addetti. Nel 2014 Milano conta 10.837 imprese con titolare africano. In Lombardia e a Milano prevalgono le imprese con titolare egiziano, seguite da marocchini, senegalesi e tunisini. La maggiore crescita in un anno va al Ghana (+26,1%) in Italia. In Lombardia e a Milano la maggiore crescita è appannaggio della Nigeria (dal 13 al 19%).

La Mostra resterà aperta dal 15 ottobre al 28 dicembre 2014- Ingresso 8,00 euro; 6,50 euro; 5,50 euro. Triennale di Milano – viale Alemagna 6 tel. 02 72434247.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *