Mobilità urbana sostenibile

di Ida Ciaralli

Mobilità sostenibile: una realtà possibile? Sì. E ce lo dimostrano Lubiana, la città slovena vincitrice del premio European Mobility Week Award 2013 e le altre città europee che hanno partecipato all’edizione della settimana europea della mobilità sostenibile dello scorso anno.

Le più interessanti best practice delle città di Lubiana, Budapest, Ostersund, Bologna, Gdynia (Polonia), Hudiksvall (Svezia), Labin (Croazia), Larnaka, Sofia e Turku (Finlandia) sono state raccolte in un’agevole guida. Lubiana, vincitrice anche del premio Capitale Verde europea 2016 ha realizzato stazioni di monitoraggio del rumore e della qualità dell’aria, oltre a mantenere il suo impegno nella creazione di nuove aree ciclopedonali (dal 2006 si è registrato un incremento del 550%); l’amministrazione di Budapest ha introdotto autobus riservati ai ciclisti della città mentre a Ostersund, in Svezia, è possibile pianificare i propri spostamenti in città con una App in grado di calcolare i costi e i consumi di CO2 prodotti in base alla modalità di trasporto scelta.

L’ampliamento dell’area pedonale con installazione di infopoint per sensibilizzare i cittadini a una mobilità più sostenibile è ciò su cui ha puntato Bologna mentre “Find your move!” è la stazione studiata dalla città cipriota di Larnaka per aiutare i cittadini a trovare la combinazione migliore di mezzi di trasporti verdi per raggiungere le proprie destinazioni quotidiane, fornendo interessanti informazioni sul risparmio di tempo e le calorie bruciate.

Ma come promuovere queste iniziative? Alcune campagne realizzate dalle città nel 2013 sono state piuttosto curiose: a Budapest, ai ciclisti che usufruivano del bus speciale era offerta un’invitante colazione a bordo mentre “Love is in the air” è stato lo slogan scelto dalla città di Ostersund per promuovere le iniziative di mobilità sostenibile: i bus della città si sono trasformati in luoghi per incontri “speed date” e per tutte le nuove coppie convogliate a nozze il giorno del matrimonio è stato loro offerto il “collegamento sostenibile” per raggiungere la cerimonia. Le scelte di queste e altre amministrazioni locali dimostrano che un’alternativa sostenibile per i nostri spostamenti è sempre possibile. E il vostro Comune? Chiedete all’amministrazione pubblica della vostra città di partecipare alla settimana europea della mobilità 2014 (http://www.mobilityweek.eu/home/), le registrazioni sono ancora aperte.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *