PALAZZO CITTERIO

di Carlo Radollovich

È ubicato in via Brera e risale al 1760. Si tratta di un classico e imponente edificio nobiliare di quel periodo, dotato tra l’altro di uno stupendo scalone padronale a due rampe e,all’esterno, di eleganti balconcini in ferro. Finalmente, dopo oltre quarant’anni (venne acquistato dallo Stato nel 1972) è stato dato parere positivo per il suo totale recupero. Si può infatti affermare che la strada del restauro, dopo incredibili ricorsi e lungaggini varie, possa considerarsi tracciata.

Si ritiene che le opere necessarie verranno concluse tra un paio d’anni, consolidamento dei tetti compreso, e dalla fine di quest’anno il tutto potrà essere visionato cliccando su versolagrandebrera.it. Peccato che tale gioiello non possa essere presentato per tempo ai visitatori dell’Expo 2015. Il cantiere potrà però essere visitato, a quanto sembra. In ogni caso, Palazzo Citterio assumerà comunque il prestigioso ruolo di nuovo polo dedicato alla pittura del Novecento nonché alla scultura. La casa museo apparirà splendente con due ingressi, alcuni salotti e fregi vari, in perfetto stile ambrosiano.

Tutti cittadini lombardi, in particolare i più anziani, che disperavano ormai di vedere risorta questa autentica bellezza settecentesca, sono soddisfatti per la definitiva scelta di ristrutturazione, anche se tardiva. Certo, i costi sono senza dubbio molto elevati (circa 3,5 milioni di euro), ma questo grande sacrificio, per riabilitare il meraviglioso edificio, vale la pena di essere sostenuto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *