REFRIGERATISSIMI OPPURE…QUASI ARROSTITI

di Carlo Radollovich

Viaggiare in metrò attraverso le varie linee, costituisce, in diversi frangenti, un certo disagio tra i passeggeri, i quali evidenziano il tutto con puntuali proteste.

Va anzitutto precisato che, con l’entrata in vigore dell’orario estivo, tutti treni della linea rossa sono stati dotati di aria condizionata, quelli relativi alla linea verde lo sono per il 50% e altrettanto dicasi per la linea gialla. La linea lilla, parzialmente inaugurata già dallo scorso anno, presenta una climatizzazione totale.

Si notano tuttavia alcune anomalie di funzionamento che impediscono di assicurare agli utenti il prezioso comfort. Infatti, sui social network, si incontrano e si sfogano tra loro diverse persone non soddisfatte di come procedono le cose a bordo delle carrozze: chi rimane quasi congelato per il freddo eccessivo, chi si lamenta del caldo africano, chi invece, sulla stessa linea e sullo stesso treno, registra improvvisamente “brezze” polari e successivamente temperature tropicali.

 E che dire di coloro che, appena scesi dalle carrozze o nei giorni a seguire, subiscono una serie infinita di infreddature ? In molti convengono che esistono soltanto un paio di rimedi contro l’aria gelida che ci spiffera addosso: l’indispensabile golf e addirittura una sciarpa leggera.

Dobbiamo tuttavia fare i conti, è bene segnalarlo, con le altalenanti temperature esterne di questa pazza stagione estiva. In effetti, l’Atm invia ciclicamente sui treni squadre di tecnici per regolare in modo ottimale la funzione di queste benedette (o maledette) macchine refrigeratrici. Ma Giove Pluvio, particolarmente severo in questo mese, oppure improvvisi scatti di caldo e di fresco tra un temporale e l’altro, mettono purtroppo in crisi anche le apparecchiature più sofisticate. Tuttavia, l’Atm informa che nei trenta treni che entreranno prossimamente in circolazione (dieci per la verde e venti per la rossa) tutto funzionerà a puntino grazie anche a modernissimi ed efficienti accorgimenti tecnici. Inoltre, dal prossimo agosto, cinquanta mezzi di superficie (jumbo-tram) saranno dotati di aria condizionata.

L’estate è ancora lunga e soprattutto pesante per chi deve lavorare in città. Si spera in ogni caso che, in occasione delle varie trasferte con i mezzi pubblici, tutti gli impiegati, gli operai e i numerosi utenti possano godere di indispensabili comodità durante il viaggio in metrò. Ne va anche della loro buona applicazione professionale sul posto di lavoro. Chi ci arriva con il naso gocciolante o sudorazioni eccessive, corre il rischio di iniziare un po’ meno motivato…

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *