Monte Stella: rumori notturni autorizzati

Si appresta a essere un’altra estate assai rumorosa per i residenti nelle vicinanze del Monte Stella.

Gli abitanti del QT8 dovranno anche quest’anno subire il rumore della ”musica” proveniente dal bel parco cittadino, sino a notte inoltrata con il beneplacito Comunale.

Ieri all’ordine del giorno della commissione Verde del CdZ 8, si discuteva dei disagi recati nelle scorse edizioni dalle attività estive gestite dall’Associazione “185 slm”.

Associazione che per le proprie iniziative prevede, tra gli altri, la collaborazione del centro sociale “Cantiere” occupante abusivo di vari stabili in Zona 8.

Avanti.

I portavoce di “ 185 slm”, ribadendo la loro volontà nel collaborare con le istituzioni, con lo stupore di molti presenti alla commissione hanno dichiarato di avere ottenuto dall’amministrazione comunale permessi per la musica sino alle due di notte!

Per quanto invece riguarda la gestione di varie serate/nottate, gli stessi organizzatori hanno ammesso che non riescono a limitare le varie attività abusive e illegali che puntualmente si affiancano alle loro, ma assolutamente di non accettare il ruolo di delatori.

Alcuni residenti del QT8 presenti alla commissione, hanno portato delle foto a testimonianza di ciò che resta in loco nelle mattine seguenti, impossibile non rilevare il grande uso di alcolici e superalcolici che in larga parte viene acquistato illegalmente da venditori abusivi sul posto, anche da molti minorenni come riportato dai cittadini testimoni.

Spesso, soprattutto nei fine settimana, questi meeting arrivano a essere frequentati da oltre mille giovani, nella completa assenza di addetti all’ordine pubblico.

Mi sono permesso di consigliare all’Amministrazione, di pianificare il presidio dell’area da parte di vigilanza urbana e Forze dell’Ordine magari in borghese, visto “l’allergia alle divise” di molti partecipanti a questi eventi, oppure di desistere nel dare questo tipo di autorizzazioni.

Se non si è in grado, come avvenuto sin ora, di assicurare il corretto svolgimento degli eventi, si eviti di assecondare le richieste di associazioni. Anche se politicamente amiche. Credo nessuno voglia avere qualche ragazzo minorenne in coma etilico sulla coscienza.

Ho ricordato come uno dei primi provvedimenti di Pisapia in Zona 8, fu la chiusura totale del Mercatino domenicale di Bonola in quanto all’esterno, e solo all’esterno dello stesso, c’era molto commercio illegale. Allora non si fece alcuna distinzione tra legale e illegale, si chiuse baracca e burattini.

Così, a nostro avviso, si ammise di fatto la propria incapacità nel contrastare l’abusivismo.

Ora per coerenza si faccia lo stesso, oppure si intervenga in maniera determinata con personale e mezzi adeguati.

Enrico Salerani – capogruppo Lega Nord CdZ8

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *