LA MASCOTTE DI EXPO 2015

Ottomila bambini hanno scelto, e successivamente festeggiato al Castello Sforzesco, il nome con il quale battezzare la mascotte della prossima Esposizione: FOODY, dal volto assai sorridente, un valido mix di diverse specie di frutta e di verdura. Sono stati pure scelti altri undici curiosi “personaggi” che compongono una straordinaria famiglia di frutta e verdura, tra cui Josephine (la banana), Arabella (l’arancia), Guagliò (l’aglio). A proposito di quest’ultima “designazione”, sono state scambiate gustose battute tra Giuliano Pisapia e Roberto Maroni. Il governatore della Lombardia avrebbe preferito “Bag’aj” (traduzione maccheronica di “ragazzo” dal milanese, abbinato all’aglio, pronunciato in meneghino) mentre il Sindaco, non smentendo le proprie origini napoletane, ha dato senza esitazioni il proprio assenso a “Guagliò”. A proposito di FOODY, ottima l’iniziativa dell’ATM la quale, per le linee 12 e 27, ha disposto di evidenziare la figura della mascotte sia all’esterno che all’interno delle carrozze. Significative anche le parole di Giuseppe Sala, commissario straordinario per l’Expo, che si è riproposto di vendere, entro i prossimi 3/4 mesi, almeno quattro milioni di biglietti per visitatori, mentre Pisapia si è dichiarato molto fiducioso sul pieno successo della prossima manifestazione internazionale, “un’occasione da non perdere”. Per concludere, il nostro augurio per il maggio 2015 non può non rifarsi all’ammirata e apprezzata Esposizione Milanese del 1906, decantata a quel tempo da moltissimi Paesi. Allora venne approfondito il tema focale dei trasporti, mentre nel 2015 sarà affrontato l’impegnativo argomento relativo al pianeta da nutrire nonché all’indispensabile energia sotto ogni profilo, sempre più necessaria per il futuro, con la ferma volontà di far progredire il benessere della vita, in ogni sua forma.

Carlo Radollovich

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *