Dopo Montefeltro-Brunetti, nuova zingaropoli in Zona 8?

Le premesse ci sono tutte.

Questa volta a Roserio, a pochi metri dai grandi cantieri dell’area Expo da un lato e all’ospedale Sacco dall’altra.

Residenti della zona mi informano che da mesi ormai vari occupanti abusivi sono presenti nell’ex fabbrica Selex Galileo sita in Via G.B. Grassi 93 e il numero, in progressivo aumento, è oggi di circa cinquanta persone.

Ho personalmente verificato la situazione e il via-vai è continuo, soprattutto nelle ore mattutine e nel tardo pomeriggio. Il grande capannone a ridosso dell’autostrada A8, è raggiungibile dagli occupanti comodamente a piedi da piazzale Roserio sede dell’ospedale L. Sacco tramite una stradina pedonale che passando sotto il ponte di via C. Belgioioso conduce al seguente passaggio da buchi nel muro di recinzione.

I cittadini affermano che la situazione è iniziata subito dopo lo sgombero di Montefeltro-Brunetti e di aver presentato un esposto in data 23 dicembre 2013, alle competenti autorità (Sindaco, Prefetto, Comandante Polizia Locale Milano, Commissariato P.S, Stazione dei Carabinieri Musocco, Consiglio di Zona 8). Da allora sono seguite varie telefonate alla Polizia locale, senza alcun risultato.

Da Capogruppo e Consigliere di opposizione in CdZ 8 non sono stato informato di nulla nella suddetta sede dal Presidente del CdZ8, ne tantomeno i colleghi membri della Commissione sicurezza che avrebbe dovuto affrontare la problematica.

Come per Montefeltro Brunetti, dove fummo i primi a denunciare pubblicamente la situazione quando ancora aveva dimensioni facilmente risolvibili, senza un veloce intervento di chi preposto temiamo un progressivo aggravarsi della situazione.

Si lasceranno vicino a un grande ospedale proliferare anche questa volta sporcizia, degrado e malavita d’importazione?

Enrico Salerani – capogruppo Lega Nord CdZ 8

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *