GIROTONDO.COM: AL FILODRAMMATICI

Alla prima del 28 dicembre al Teatro Filodrammatici, il pubblico ha accolto favorevolmente lo spettacolo “Girotondo.com”, già presentato con successo nel febbraio scorso e che sarà in tournée nei mesi di marzo e aprile prossimi.

Dobbiamo riconoscere che nella rivisitazione del lavoro di Arthur Schnitzler “Ringen”, operata da Bruno Fornasari (che ne è anche regista), questi ha cercato di mantenere lo spirito caustico e dissacratorio del drammaturgo viennese, che all’epoca – fine Ottocento – per questo lavoro venne accusato di pornografia. Naturalmente, nell’adattamento del testo all’epoca attuale, in diversi casi non si è potuto fare a meno di scivolare in luoghi comuni e stereotipi. Qualche volta un po’ risaputi, ma certo non meno divertenti. Ciononostante, resta comunque viva la genialità dell’idea teatrale del “girotondo” di coppie che “consumano” (è proprio il caso di dirlo) il sesso, ognuno secondo il proprio punto di vista: trasgressione, manifestazione di potere, merce di scambio, banale rituale, ecc. Un punto di vista che, come si intuisce, esclude in modo netto qualsiasi sentimento autentico. E questo balletto di coppie si chiude, in un cerchio perfetto, come è giusto che sia, ricostituendo la coppia ufficiale, marito e moglie, che si ritrovano a letto a confessarsi i reciproci tradimenti. Tradimenti che, alla fine, nessuno dei due potrà né vorrà riconoscere perché su tutto pesa il velo ottundente dell’ipocrisia che impedisce di cogliere quale sia la verità autentica. La critica di Schnitzler, spesso ai suoi tempi denigrato o considerato futile e superficiale, continua a graffiare ancora oggi e quel che conta a farci riflettere. Ottima la prova dei due attori in scena, Tommaso Amadio e Alice Redini, capaci di trasformarsi in personaggi diversi con abilità mimetiche sopraffine e una recitazione intelligente e attenta a non finire nel grottesco.

Al Filodrammatici di Milano – via Filodrammatici 1 – figirotondo 2 350kno al 31 dicembre con serata speciale di fine d’anno e auguri insieme agli attori.     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *